MILANO:Valentino Vago Incisioni 1952 – 1959 dal 25 ottobre al 21 dicembre 2018

Biblioteca dell’Accademia delle Belle Arti di Brera

dal 25 ottobre al 21 dicembre 2018

Inaugurazione mercoledì 24 ottobre 2018, ore 12:00

L’Accademia delle Belle Arti di Brera presenta “Incisioni (1952-1959)”,

una mostra che rende omaggio alla ricerca artistica di Valentino Vago (Barlassina 1931 – Milano 2018) presentando al pubblico milanese un corpus di oltre quaranta incisioni ad acquaforte rieditate nel 2014 a partire dalle lastre originali realizzate dall’artista nel corso degli anni Cinquanta. Il restauro delle lastre e la stampa sono stati curati dalla Stamperia d’Arte Pilar Dominguez.

L’esposizione, ideata in collaborazione con l’Archivio Valentino Vago, esplora la produzione incisoria del maestro di Barlassina. Vago si dedica a questa disciplina a partire dal 1951 frequentando i corsi all’Accademia di Brera, tenuti da Benvenuto Disertori, uno dei principali incisori italiani del primo Novecento e docente a Brera dal 1930 al 1960 e, nel 1957, espone i suoi lavori nella sua prima mostra in assoluto alla Galleria Bramante di Busto Arsizio. L’interesse dell’artista verso l’acquaforte trascende gli anni dello studio, come testimonia la sua iscrizione, dal 1957 al 1960, all’Associazione Incisori d’Italia e la partecipazione a tutte le mostre e i concorsi organizzati dall’Ente, in quegli anni presieduto da Carlo Carrà e Aldo Carpi. In questi primi anni di attività l’interesse di Valentino Vago per la grafica spesso anticipava, nei soggetti, le immagini affidate poi alla pittura, facendo diventare le due tecniche quasi complementari. Osservando le opere in mostra, si può ripercorrere la visione della realtà che l’artista comunicava tramite molteplici temi espressivi: figure del quotidiano, contadini al lavoro, paesaggi rurali, scene naturalistiche, fino a giungere alle composizioni astratte, nelle quali il centro di interesse delle ricerche non è più il soggetto o la forma, bensì l’atto creativo di qualcosa in divenire, preludio della ricerca artistica che caratterizzerà l’opera del maestro negli anni Sessanta.

L’attività di Vago acquafortista è caratterizzata da una parabola ascendente: la produzione grafica nel periodo iniziale risente di evidenti caratteri accademici da cui l’artista si affranca nel corso del decennio. Il segno acquista via via scioltezza e fluidità di tratteggio, l’immagine è resa con andamenti immediati e liberi di indagare i valori atmosferici in relazione alle figure, con un desiderio crescente di superare la cura dei dettagli per giungere alla loro trasfigurazione poetica.

La vicenda incisoria di Vago si esaurisce nell’arco di pochi anni ma la qualità della sua ricerca e delle opere prodotte ad acquaforte è testimoniata dalla loro presenza in prestigiose collezioni, come nel caso della Civica Raccolta Bertarelli presso il Castello Sforzesco e la Civica Raccolta del Disegno di Salò.

La mostra sarà accompagnata da una pubblicazione (italiano e inglese), curata dall’Archivio Valentino Vago per le Edizioni Stefanoni, che può essere considerata a pieno titolo un piccolo catalogo ragionato della produzione grafica di Valentino Vago perché raccoglierà, oltre alle riproduzioni delle opere esposte, anche la documentazione di tutte le incisioni del maestro, ancheB quelle di cui sono solo state salvate le lastre originali. Completano l’opera un testo di Valerio Vago, presidente dell’Archivio e i contributi critici di Claudio Cerritelli, Elisabetta Longari e Viviana Cresseri.

G
M
T
Rileva lingua
Afrikaans
Albanese
Amarico
Arabo
Armeno
Azero
Basco
Bengalese
Bielorusso
Birmano
Bosniaco
Bulgaro
Catalano
Cebuano
Ceco
Chichewa
Cinese semp
Cinese trad
Coreano
Corso
Creolo Haitiano
Croato
Curdo
Danese
Ebraico
Esperanto
Estone
Filippino
Finlandese
Francese
Frisone
Gaelico scozzese
Galiziano
Gallese
Georgiano
Giapponese
Giavanese
Greco
Gujarati
Hausa
Hawaiano
Hindi
Hmong
Igbo
Indonesiano
Inglese
Irlandese
Islandese
Italiano
Kannada
Kazako
Khmer
Kirghiso
Lao
Latino
Lettone
Lituano
Lussemburghese
Macedone
Malayalam
Malese
Malgascio
Maltese
Maori
Marathi
Mongolo
Nepalese
Norvegese
Olandese
Pashto
Persiano
Polacco
Portoghese
Punjabi
Rumeno
Russo
Samoano
Serbo
Sesotho
Shona
Sindhi
Singalese
Slovacco
Sloveno
Somalo
Spagnolo
Sundanese
Svedese
Swahili
Tagiko
Tailandese
Tamil
Tedesco
Telugu
Turco
Ucraino
Ungherese
Urdu
Usbeco
Vietnamita
Xhosa
Yiddish
Yoruba
Zulu
Afrikaans
Albanese
Amarico
Arabo
Armeno
Azero
Basco
Bengalese
Bielorusso
Birmano
Bosniaco
Bulgaro
Catalano
Cebuano
Ceco
Chichewa
Cinese semp
Cinese trad
Coreano
Corso
Creolo Haitiano
Croato
Curdo
Danese
Ebraico
Esperanto
Estone
Filippino
Finlandese
Francese
Frisone
Gaelico scozzese
Galiziano
Gallese
Georgiano
Giapponese
Giavanese
Greco
Gujarati
Hausa
Hawaiano
Hindi
Hmong
Igbo
Indonesiano
Inglese
Irlandese
Islandese
Italiano
Kannada
Kazako
Khmer
Kirghiso
Lao
Latino
Lettone
Lituano
Lussemburghese
Macedone
Malayalam
Malese
Malgascio
Maltese
Maori
Marathi
Mongolo
Nepalese
Norvegese
Olandese
Pashto
Persiano
Polacco
Portoghese
Punjabi
Rumeno
Russo
Samoano
Serbo
Sesotho
Shona
Sindhi
Singalese
Slovacco
Sloveno
Somalo
Spagnolo
Sundanese
Svedese
Swahili
Tagiko
Tailandese
Tamil
Tedesco
Telugu
Turco
Ucraino
Ungherese
Urdu
Usbeco
Vietnamita
Xhosa
Yiddish
Yoruba
Zulu
La funzione vocale è limitata a 200 caratteri